Pubblicati da siteground

Il Museo del Cognome incontra i ragazzi del liceo Severi.

Un pomeriggio insolito quello di Lunedì 15 Aprile 2013 per i ragazzi del Liceo Scientifico “ Severi” di Castellammare di Stabia, che hanno avuto la possibilità di scoprire un mondo nuovo, una realtà insolita : la presenza, in Italia, di un museo particolare, il Museo del Cognome.  

Genealogia e Fumetto, prossimamente a Padula.

Il Museo del Cognome, in collaborazione con Antonio Sanseviero (appassionato e collezionista di fumetti), sta organizzando la prima mostra “Genealogia e fumetto” che si inaugurerà a Padula (SA) tra la fine del prossimo mese di Aprile e l’inizio del mese di maggio, presso la sede del suddetto museo. A breve il programma.

3° appuntamento con Cognomi d’Italia – Coiro

Terzo appuntamento con la rubrica “Cognomi d’Italia”. Oggi parliamo del cognome Coiro . “Cognomi d’Italia” è una rubrica creata da Ondanews in collaborazione con il Museo del Cognome di Padula, alla scoperta dell’interessante mondo dei cognomi, la loro origine e diffusione. Scopritene di più qui: Cognomi d’Italia – Coiro

2° appuntamento con Cognomi d’Italia: Carrara

Eccoci di nuovo con la rubrica Cognomi d’Italia. “Cognomi d’Italia” è una rubrica creata da Ondanews in collaborazione con il “Museo del Cognome” di Padula, alla scoperta dell’interessante mondo dei cognomi, sulla loro origine e diffusione. Questo secondo appuntamento sarà dedicato ai Carrara. 

1° appuntamento con la rubrica Cognomi d’Italia: Garone e Sanseviero

Il Museo del Cognome è felice di presentarvi la nuova rubrica online intitolata “Cognomi d’Italia“. Cognomi d’Italia” è stata creata da Ondanews in collaborazione con il nostro Museo, alla scoperta dell’interessante mondo dei cognomi, sulla loro origine e diffusione. Il primo appuntamento è dedicato ai cognomi Garone e Sanseviero. 

Proiezione cortometraggio Padula e i Padulesi

Padula e i Padulesi è un cortometraggio di circa trenta minuti che custodisce, nella sua semplicità d’esecuzione, un passato non troppo lontano, ma distante dal nostro vivere così moderno. Il filmato racchiude immagini di processioni, stracolme di genti vestite coi loro abiti migliori; di vita quotidiana, col gelato mangiato in piazza e del mercato settimanale.